Italiano > Attuale > Article

Il Sinodo dei vescovi e la lettera dell’apostolo Pietro

Data:   2018-11-01
Autore:   PCB

 

Il Sinodo dei vescovi e la lettera dell’apostolo Pietro

 

Sebbene Francesco Bergoglio sia un eretico sotto l’anatema di Dio e un promotore di sodomia, si presenta veementemente come un valido successore dell’apostolo Pietro. Il fatto che egli non abbia lo Spirito di Cristo ma lo spirito dell’anticristo è provato dalla sua linea di promozione intenzionale della sodomia nella Chiesa e dalla inflessibile promozione dell’islamizzazione. La sua ultima svolta è stata quella di aver scelto i delegati per il Sinodo dei Vescovi, con lo scopo, per il momento di nascosto, di promuovere la legalizzazione della sodomia nella Chiesa.

Un vescovo del Camerun è rimasto scioccato da ciò che il Sinodo dei vescovi stava effettivamente discutendo ed ha espresso sincere preoccupazioni: che quando ritornerà nella sua diocesi con un tale risultato, il 99,9% dei suoi credenti busserà alla sua porta e gli chiederà minacciosamente: L’approvazione di Lgbt al Sinodo che cosa significa !?

 

Nell’atmosfera post-sinodale, Bergoglio e l’alleanza dei sodomiti ecclesiastici creano l’impressione che l’omosessualità non sia stata affatto discussa. Cardinale Marx, che promuove apertamente i matrimoni tra persone dello stesso sesso nelle chiese, ha detto al mass media senza la traccia di un rossore che non era un sinodo su Lgbt ma un sinodo sui giovani. Un’impressione simile è stata creata da Monsignore Holub: “Abbiamo adottato un documento sulla gioventù ... Grazie a Dio e a Papa Francesco! Sono emozionato!” Perché questa eccitazione? Si può presumere che Francesco abbia già inequivocabilmente suggerito che tutti gli attivisti omosessuali che partecipano al Sinodo, che ancora non hanno un cappello da cardinale, lo riceveranno presto come ricompensa. Se lo darà a loro, si deve sapere che tutte le azioni di un eretico sono invalide (vedi la bolla di Paolo IV). Inoltre, in tal caso la chiesa di Bergoglio diventerà definitivamente Sodoma e Gomorra.

In questa fase i sodomiti ecclesiastici si comportano in modo assai delicato per non dispiacere a nessuno in modo che possano incorporare i decreti del Sinodo arcobaleno in tutta la Chiesa senza ostacoli.

 

Le parole del primo Papa, l’apostolo Pietro, ora si applicano pienamente a Bergoglio e ai suoi seguaci:

Vi furono però tra il popolo dei falsi profeti, come pure tra voi ci saranno dei maestri bugiardi, i quali introdurranno eresie di perdizione ... tirandosi addosso una pronta perdizione. Molti li seguiranno nelle loro dissolutezze e per causa loro la via della verità sarà bestemmiata ... (Dio) condannò alla distruzione le città di Sodoma e di Gomorra, riducendole in cenere, facendole esempio a coloro che vogliono vivere empiamente;   e se liberò il giusto Lot vessato dalle ingiurie e dall’impuro vivere di uomini infami; - poiché [Lot] era giusto di vista e di udito, mentre dimorava con gente, che ogni giorno metteva alla tortura quel anima giusta con opere inique (similmente come arcivescovo Viganò) ... Costoro invece come bestie irragionevoli, naturalmente fatte per esser prese e perire, bestemmiano le cose che ignorano; periranno così nella loro corruzione,  ricevendo la mercede della loro iniquità, essi che fanno loro piacere delle delizie del giorno; macchie e vituperi, pieni di mollezza, dissoluti nei conviti che fanno con voi.  Essi, che han gli occhi pieni di adulterio e d’incessante delitto, adescano le anime vacillanti; hanno il cuore esercitato nell’avarizia, figli di maledizione. Abbandonata la retta via si sono sviati,... Questi son fontane senz’acqua e nebbie sbattute dai turbini e ad essi è riserbata la caligine tenebrosa. Mentre fanno discorsi di vanità superba (omelie di Francesco a casa di santa Marta), adescano per mezzo delle impure passioni della carne coloro che poco prima fuggivano da chi viveva nell’errore; e promettono loro la libertà, mentre essi stessi sono schiavi della corruzione; poiché da chi uno è stato vinto, di lui è anche schiavo. Se infatti dopo aver fuggite le sozzure del mondo per mezzo della conoscenza del Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo, si lasciano ancora impigliare e vincere da esse, la loro condizione ultima diventa peggiore della prima. Meglio infatti sarebbe stato per loro non conoscere la via della giustizia, anziché, dopo averla conosciuta, rivolgersi indietro dal comandamento santo, che ad essi è stato dato. Si è perciò avverato in loro quel vero proverbio:  Il cane tornò al suo vomito  e  la scrofa lavata [è tornata] a rivoltarsi nel fango(2 Pt. 2, 1-22).

 

Dopo la sua manovra di legalizzazione della sodomia nel documento finale, mascherata da termini ambigui, come l’integrazione della dimensione sessuale nella personalità, Bergoglio ha detto con entusiasmo: “Ora lo Spirito Santo ci dà il documento perché agisca nei nostri cuori”. Bergoglio quindi pecca apertamente contro lo Spirito Santo, e le parole di nostro Signore Gesù Cristo si applicano pienamente a lui: “Perciò vi dico: Ogni peccato e bestemmia saranno perdonati agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata agli uomini (Mt. 12, 31). Il documento finale contraddice la Sacra Scrittura, la Tradizione e lo Spirito di verità, e non è ispirato dallo Spirito Santo ma dallo spirito di menzogna - il diavolo. La dichiarazione dell’apostolo Paolo si applica pienamente a Bergoglio e ai suoi adepti: “Questi uomini sono falsi apostoli, operai fraudolenti, che si travestono da apostoli di Cristo. E non c’è da meravigliarsi, perché anche satana si traveste da angelo di luce. Perciò non sorprende se i suoi servi (Francesco e i suoi aderenti) si travestono da servi della giustizia, la cui fine sarà secondo le loro azioni”.

 

Lo Spirito Santo avverte attraverso l’apostolo Paolo: “Ma anche se noi, o un angelo del cielo, vi predicassimo un vangelo, diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia maledetto! Come abbiamo detto prima, così ora ripeto: Se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia maledetto!”  (Gal. 1, 8-9).

Secondo la bolla di Paolo IV, tutte le azioni fatte da Bergoglio, che è l’eretico, sono invalide! Secondo la Sacra Scrittura, Bergoglio, essendo pseudo papa e promotore di sodomia e l’eretico che proclama un altro vangelo, è maledetto!

 

+ Metodio, OSBMr                               + Timoteo, OSBMr

Vescovi segretari del Patriarcato Cattolico Bizantino

 

31 ottobre 2018

 

Scaricare: Il Sinodo dei vescovi e la lettera dell’apostolo Pietro (31.10.2018)