Italiano > Attuale > Article

Liturgia e spazio liturgico

Data:   2018-11-03
Autore:   PCB

 

Liturgia e spazio liturgico

 

Il Concilio Vaticano II ha iniziato la riforma liturgica. Il latino come lingua liturgica è stato abolito e la lingua madre è stata introdotta. Il sacerdote si è messo con le spalle al tabernacolo voltandosi al popolo. In molti casi, il tabernacolo era collocato nella cappella laterale. Il modello biblico del tempio – il santo dei santi, il santuario e il posto per il popolo, è stato quindi distorto. Nel tempio cattolico, il tabernacolo corrispondeva al luogo della dimora di Dio – il santo dei santi, e l’altare nel coro corrispondeva al luogo dell’offerta del sacrificio da parte del sacerdote. Era separato dallo spazio per il popolo da una ferrovia, e nella Liturgia orientale è ancora separato da un’iconostasi. Questo per enfatizzare la sacralità di questo spazio in cui dimora Dio e dove il sacrificio incruento è offerto a Dio. Prima della riforma liturgica, il sacerdote affrontava il tabernacolo con le spalle al popolo. In questa posizione, era più capace di concentrarsi sullo sperimentare il mistero dell’Eucaristia, e inoltre non disturbava gli altri poiché non attirava l’attenzione su di sé.

 

Attualmente è raccomandato che ogni diocesi abbia l’opportunità di fare alcuni aggiustamenti liturgici che portino ad un approfondimento di fede e sacralità, e non viceversa!

 

Molti sacerdoti propongono di assumere la stessa posizione durante la Messa come i sacerdoti per centinaia di secoli nella Tradizione della Chiesa, e come è ancora praticato nella Chiesa ortodossa – cioè sia il sacerdote che la gente si trovano di fronte al centro che è il tabernacolo.

 

Alcuni sacerdoti suggeriscono anche un momento di silenzio dopo la Consacrazione. Si dispone per prendere coscienza della realtà della morte redentrice di Cristo sulla croce, del suo sacrificio anche per me e per i miei peccati.

 

Nella Liturgia orientale questo periodo di tempo di circa 3-5 minuti è dedicato all’Episcesi durante il quale il coro canta l’antifona: “Ti lodiamo, Ti benediciamo, Ti ringraziamo, o Signore, e Ti preghiamo, nostro Dio!”. L’antifona crea un’atmosfera per sperimentare il mistero e allo stesso tempo per invocare lo Spirito Santo a discendere sul popolo di Dio e sui doni presentati.

 

Nella Liturgia latina, nel momento del silenzio dopo la Consacrazione, il sacerdote può pregare silenziosamente il Canone invece di recitarlo ad alta voce, proprio come era praticato prima della riforma liturgica.

 

          Padre Venceslao

 

1 novembre 2018

 

Scaricare: Liturgia e spazio liturgico (1. 11. 2018)